Riaccendere la luce per abitare il nostro corpo

  • Ampliando la coscienza dei segnali che il corpo ci invia, ma che sovente non sappiamo riconoscere o a cui, al contrario, diamo troppa attenzione, ingigantendoli. 

 

  • Esplorando nuove possibilità di movimento senza forzare la tensione, i movimenti che facciamo rispondono alle due polarità di espansione e contrazione.
    L’ampiezza del movimento si è ridotta in seguito agli spunti educativi, ai traumi fisici e psichici subiti nel tempo, il lavoro sul respiro e quello sul radicamento si propongono di riappropriarsi dei due estremi.

 

  • Lavorando per ammorbidire gradualmente le rigidità rilasciando le contrazioni attraverso la respirazione e il movimento.

 

  • Sviluppando la vibrazione che è una manifestazione della motilità innata dell’organismo (attivazione del sistema parasimpatico).

 

  • Recuperando vitalità, aumentando la capacità di tollerare eccitazione e piacere da parte del corpo.

 

 

La Classe di Esercizi nasce per riaccendere la luce della consapevolezza e riabitare così il corpo, è un lavoro di gruppo di promozione della salute ed è indipendente dalla psicoterapia.

Ci accompa a portare l’attenzione sulle sensazioni fisiche e sulla difficoltà ad ascoltare i segnali del corpo o viceversa sull’eccessiva attenzione che ci porta ad ingigantirli, lavorando gradualmente all’ampliamento della coscienza di noi stessi.

Il lavoro è volto ad ammorbidire le rigidità attraverso esercizi, che si soffermano dal basso verso l’alto sui principali blocchi, caricando i muscoli e scaricandoli, così da accompagnare l’avvio delle vibrazioni neurogene (attivazione del sistema parasimpatico).

Respiro, movimento e uso della voce sono i pilastri chiave dell’esperienza della Classe.

La pratica regolare della Classe Bioenergetica ha come effetto l’aumento della vitalità fisica ed emotiva.

 

Quando e dove

 

Bibliografia:

  • Lowen, A.; Lowen, L. Espansione e integrazione del corpo in bioenergetica,  Astrolabio-Ubaldini, Roma 1979
  • Lowen, A. Bioenergetica, Feltrinelli, Milano 1983-2004
No Comments

Post A Comment